Archivio

Inquinamento: anche lo smartphone nemico dell’ambiente

giovedì, 8 marzo 2018

Secondo uno studio della Mcmaster University di Hamilton (Canada) gli smartphone saranno i dispositivi più dannosi per l’ambiente entro il 2020, non solo per la mole di rifiuti dovuti all’obsolescenza programmata, problema ormai noto, ma anche per l’impatto sulle emissioni nocive generate dalla loro produzione e dal loro utilizzo.
Il professor Lotfi Belkhir, docente di Total Sustainability and Management alla Mcmaster University e autore della ricerca, ha studiato l’impronta di carbonio di dispositivi come smartphone, laptop, tablet, desktop, ma anche dei data center e delle reti di comunicazione, scoprendo che le Tecnologie di Comunicazione e Informazione hanno un impatto maggiore sulle emissioni di quanto si pensasse e la maggior parte di queste deriva dalla produzione e dal funzionamento: “Per ogni messaggio di testo, per ogni telefonata, ogni video che carichi o scarichi, c’è un centro dati che fa in modo che questo accada – spiega Belkhir – Le reti di telecomunicazioni e i data center consumano molta energia per servire le persone e la maggior parte dei data center continua ad essere alimentata dall’elettricità generata dai combustibili fossili. È il consumo di energia che non vediamo.”
Tra tutti i dispositivi, le tendenze suggeriscono che entro il 2020 i dispositivi più dannosi per l’ambiente saranno gli smartphone che consumano relativamente poca energia per funzionare, ma la cui produzione ha un impatto enorme sulle emissioni: la maggior quantità di energia è quella che serve per produrre il chip e la scheda madre perché sono costituiti da metalli preziosi che vengono estratti a un costo elevato. Gli smartphone hanno anche una breve vita che guida l’ulteriore produzione di nuovi modelli e questo genera una quantità colossale di rifiuti.
Secondo i dati presentati da Greenpeace lo scorso anno, dal 2007 al 2017 stati prodotti 7,1 miliardi di smartphone. Solo nel 2014, secondo uno studio della United Nations University, sono stati prodotti 3 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici legati alla produzione di smartphone. Meno del 16% dei rifiuti elettronici globali viene riciclato. Solo due modelli su tredici, esaminati come parte delle ricerca da Greenpeace Usa e iFixit, avevano batterie facilmente sostituibili. Questo significa che, quando la batteria inizia a scaricarsi, i consumatori sono costretti e sostituire l’intero dispositivo. Nel 2020 le persone che posseggono smartphone saranno 6,1 miliardi, ovvero circa il 70% della popolazione globale.
Belkhir lancia un messaggio chiaro alle compagnie: “I centri di comunicazione e data devono passare alle energie rinnovabili quanto prima, non c’è più tempo. La buona notizia è che i data center di Google e Facebook saranno gestiti con energia rinnovabile, ma dev’esserci una politica in atto che faccia in modo che tutti i data center seguano l’esempio.”

Fonte: Eco dalle Città

SOCI FONDATORI E SOSTENITORI

LATEST NEWS

In evidenza

 

  • Italia-Latina: Attrezzature per il controllo del traffico stradale
  • Lituania-Kaunas: Servizi di raccolta pedaggi   
Per maggiori informazioni clicca qui (solo per utenti registrati)

Sviluppo Portali Web e Software  - Sito internet in tecnologia Open Source