Archivio

Un’analisi comparativa sulla diffusione dell’innovazione nel settore dei Sistemi di Trasporto Intelligenti in Europa e negli Stati Uniti. Applicazioni alla mobilità condivisa, Mobility-as-a-Service e al veicolo connesso ed autonomo

mercoledì, 14 marzo 2018

Nell’ambito del progetto europeo NEWBITS, è stata condotta un’analisi comparativa sulla diffusione dell’innovazione nel settore dei sistemi di trasporto intelligenti con riferimento alle seguenti aree di innovazione: 1) mobilità condivisa, 2) Mobility-as-a-Service (MaaS) e 3) veicolo connesso ed autonomo (VCA).
Secondo tale analisi, l’aspetto cruciale da considerare sia in Europa che negli Stati Uniti per poter diffondere la mobilità condivisa ad ampia scala è il raggiungimento di una massa critica di utenti tale da rendere il servizio sostenibile dal punto di vista tecnico ed economico; ciò è già stato fatto in molti casi facendo ricorso ad un uso massiccio delle tecnologie di localizzazione e dei social network. Ulteriori elementi di successo per un’ampia diffusione sono la promozione dell’interoperabilità e della condivisione del dato tra le piattaforme degli operatori di mobilità, l’incentivazione dell’integrazione multimodale, la definizione di benefici fiscali per gli utilizzatori del servizio, la creazione di una comunità di utenti (per migliorare la percezione della sicurezza quando si effettua un viaggio in condivisione) e lo sviluppo di politiche di supporto.
La diffusione del MaaS in Europa è attualmente ad uno stato iniziale, mentre negli Stati Uniti le sfide organizzative e istituzionali ne hanno persino limitato, e talvolta impedito, la sperimentazione. Le dinamiche che potrebbero stimolare la diffusione dell’innovazione in tale contesto sono: a) la volontà da parte dell’utente di “spostarsi” da un trasporto veicolare privato ad uno pubblico e/o condiviso; b) la presenza di buona parte degli operatori del trasporto che offrono il pagamento elettronico attraverso dispositivi di diversa natura, la condivisione del dato e l’autorizzazione a terzi a vendere i propri servizi; c) una continua ed efficiente cooperazione tra gli stakeholder; d) la diffusione di politiche di incentivazione dell’utente; e) l’inclusione del MaaS nei piani di trasporto regionale come strumento efficace per ridurre la mobilità privata. D’altra parte, le dinamiche che invece potrebbero ostacolare la diffusione del MaaS sono: la sfida di indurre gli utenti ad utilizzare un unico servizio di mobilità; una forte concorrenza sul mercato tra servizi di mobilità alternativi; la scarsità di sussidi e la mancanza di benefici fiscali per l’utente finale; e la pressione finanziaria sugli operatori del trasporto pubblico nel caso in cui si ricercano profitti anche dalla vendita di abbonamenti mensili e biglietti del trasporto pubblico.
L’analisi di benchmark per il VCA ha evidenziato come i fattori più critici per la diffusione dell’innovazione siano l’accettazione e disponibilità a pagare per tali servizi da parte degli utenti, la protezione dei dati e la cyber-security, questioni etiche e di responsabilità assicurativa, e l’esigenza di produzione normativa nel settore. Dalla revisione critica di una serie di casi di studio in Europa e negli Stati Uniti, è emerso che la riservatezza dei dati non rappresenta il principale ostacolo alla diffusione dell’innovazione, mentre si ritiene che il VCA comporterà un passaggio dalla responsabilità assicurativa di tipo personale ad una legata al prodotto, cosa che avrà un impatto significativo sul mercato assicurativo. Come anticipato, ulteriori sfide sono anche poste dalla necessità di azioni normative, come ad esempio a) imporre che tutti i nuovi veicoli siano dotati di connettività digitale e capacità di interagire e comunicare tra loro e l’infrastruttura stradale circostante, b) la definizione di standard tecnologici aperti e c) e lo sviluppo di architetture telematiche nazionali di riferimento per lo sviluppo di sistemi e servizi legati al VCA.

Lo studio completo è consultabile qui
Per maggiori informazioni ed aggiornamenti sul progetto NEWBITS, clicca qui
Per ulteriori eventuali richieste si prega di contattare il coordinatore del progetto NEWBITS: Xavier Leal – x.leal@ortelio.co.uk

Fonte: NEWBITS

SOCI FONDATORI E SOSTENITORI

LATEST NEWS

In evidenza

 

  • Italia-Padova: Sistemi di controllo di accesso
  • Sofia: Sistemi di navigazione e posizionamento globale (GPS o equivalente)
Per maggiori informazioni clicca qui (solo per utenti registrati)

Sviluppo Portali Web e Software  - Sito internet in tecnologia Open Source