Archivio

Micromobilità elettrica: partita la sperimentazione per monopattini e segway

Tuesday, July 23rd, 2019

Tour groups of tourists on the streets of Paris by SegwayÈ da poco partita la sperimentazione della micromobilità elettrica con hoverboard, segway, monopattini e monowheel. Negli ultimi anni, questi veicoli hanno preso sempre più piede, in città e non solo, rimanendo però sprovvisti di una regolamentazione in materia di codice stradale.
Nel nuovo decreto del Ministero delle Infrastrutture del 04/06/2019, ci sono le modalità di attuazione e gli strumenti operativi della sperimentazione. La sperimentazione, per ora, è consentita solo in città e solo per infrastrutture specifiche con limite di 20 km/h sulle ciclabili e 6 km/h sui marciapiedi. Vediamo il tutto più nel dettaglio.
Veicoli che non inquinano e che si possono portare ovunque: questa la micromobilità che un emendamento alla manovra, approvato in commissione Bilancio alla Camera, intende promuovere per diminuire il traffico automobilistico nei centri urbani. L’emendamento dà il via alla sperimentazione nelle città della circolazione su strada di veicoli di mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica come segway, hoverboard e monopattini.
Il Codice della strada, fino ad ora, prescrive che “La circolazione mediante tavole, pattini o altri acceleratori di andatura è vietata sulla carreggiata della strada“, consentendo, di fatto, che i veicoli per la mobilità personale elettrici possano circolare soltanto su spazi privati o, per esclusione, su banchine e marciapiedi. Questo nuovo emendamento, invece, mira a considerare segway, hoverboard e monopattini elettrici come mezzi di mobilità a tutti gli effetti con propri limiti e propri spazi di manovra.
La sperimentazione in città ha delle limitazioni. Segway e monopattini potranno circolare su piste ciclabili in sede propria o in corsia riservata (con velocità da 6 a 20 km/h), mentre monowheel e hoverboard no. Tutti e quattro i mezzi sono invece ammessi in aree pedonali, a patto che la velocità sia sotto i 6 km/h. Nelle zone 30, con limite di 30 km/h, sono ammessi segway e monopattini a velocità dai 6 ai 20 km/h.
I dispositivi in grado di sviluppare velocità superiori a 20 km/h, per essere utilizzati nell’ambito della sperimentazione devono essere dotati di regolatore di velocità, configurabile in funzione di una velocità non superiore a 6 km/h. Una sorta di limitatore attivabile quando si è in aree dove non si può superare questa soglia.
Saranno i sindaci a delimitare le aree in cui avviare la sperimentazione e a disciplinare le modalità di utilizzo dei mezzi. I Comuni, infatti, dovranno individuare infrastrutture stradali o parti di strada utilizzabili e adottare il piano della sperimentazione della micromobilità elettrica, comprensivo della regolamentazione della sosta, prevedendo specifiche aree, soprattutto nei punti di scambio più elevato.
Lungo le strade dovrà essere montata una specifica segnaletica stradale verticale e orizzontale. I Comuni dovranno anche prevedere, infine, nell’istituzione o nell’affidamento del servizio di noleggio, l’obbligo di coperture assicurative.

Fonte: Gocamera

SUPPORTED BY

LATEST NEWS

Reminder

Available only in italian
  • Islanda-Reykjavik
  • Italia-CASSANO ALL’IONIO: Servizi di gestione dati
Check out all the opportunities...(only for registered users)

Sviluppo Portali Web e Software  - Sito internet in tecnologia Open Source